Scopri qua i nostri programmi.

______________________

2021

______________________

 

La nostra sessione di residenza primaverile 2021 ospita l’artista visiva Adelaide Cioni, il compositore e artista del suono Dom Bouffard e l’artista multidisciplinare Duval Timothy, vincitore del bando “Mahler, The Song of the Earth” in collaborazione con Mahler Foundation. Faranno parte della residenza anche l’artista e curatore Michelangelo Miccolis e il poeta, produttore e performer nick von kleist. Entro la fine della stagione estiva si svolgerà il workshop di Adelaide Cioni ‘The Empty Project’, una collaborazione con Giuseppe De Mattia, Lisa Andreani, Typhaine Delaup, Fabio Giorgi Alberti, Carlo Favero e Joana P.R. Neves.

 

______________________

2020

______________________

 

Sebbene le nostre sessioni di residenza primaverile ed estiva siano state in gran parte rinviate, abbiamo ospitato l’artista Cecilia Ceccherini e il fotografo e scrittore Felix Bazalgette. Felix ha lavorato al suo libro Natural Magic (Fitzcarraldo Editions, 2021) che esplora le storie della fotografia con particolare riferimento alla fotografia sociologica in Italia. Cecilia, nell’ambito della nostra partnership con il programma UAL Art for the Environment, ha sviluppato nuovi lavori in collaborazione con produttori e artigiani tessili in Umbria utilizzando tecniche di tintura naturale.

La nostra sessione autunnale ha esplorato le intersezioni tra arte visiva e poesia ed è stata curata in collaborazione con la poetessa, ex artista residente, Rachael Allen e Viaindustriae, Foligno. I partecipanti sono stati: Sophie Collins, Will Harris, Marie Jacotey e la coppia di curatori Hana Noorali e Lynton Talbot, vincitori del nostro bando Word Play: Art & Poetry Open Call. Il simposio relativo a questa sessione si svolgerà nel 2021.

Il Festival di Spoleto è stato riprogrammato e si è svolto in formato ridotto, durante gli ultimi due fine settimana di agosto. I nostri progetti per il festival sono stati rinviati al prossimo anno tuttavia è stato possibile organizzare a Spoleto la pubblicazione del vinile ‘Keeping Time‘.

Scopri di più sul programma facendo clic sulle immagini seguenti.

 

20 Luglio – 23 Agosto

 

Sessione autunnale, ‘Art & Poetry’, 26 Agosto – 29 Settembre

Curata in collaborazione con Rachael Allen e Viaindustriae, la sessione di residenza autunnale è un programma incentrato sulla ricerca e l’esplorazione del il rapporto dinamico tra poesia, scrittura sperimentale e arti visive e dello spettacolo. La sessione di residenza 2020 sarà seguita da una seconda sessione di residenza correlata nel 2021, che includerà un simposio di una settimana. Per ulteriori informazioni sulla sessione, fare clic qui o fare clic sulle immagini seguenti per informazioni sui partecipanti e sulle opportunità della nostra Open Call.

 

Premio Fitzcarraldo Editions Essay and Residency

 

 

 

______________________

2019

______________________

Sessione Autunnale

La sessione di residenza finale dell’anno è stata curata da Tony Tremlett già ospite di Mahler & Lewitt Studios come curatore in residenza nel 2018. La residenza ha fornito una piattaforma per la sua continua ricerca con pratiche artistiche che impiegano suono e performance. Ha riunito sei artisti provenienti da Algeria, Germania, Inghilterra, Irlanda, Sudan e Stati Uniti. Tutti hanno partecipato al relativo progetto “Keeping Time” che ha celebrato i 20 anni della Capella del Barolo in Piemonte. La documentazione completa della residenza e “Keeping Time” sono disponibili qui >>.

 

 

Sessione Estiva

Per la prima sessione estiva dell’anno ospitiamo il pittore statunitense Keegan Monaghan, Polly Barton, vincitrice del Premio Essay Fitzcarraldo Editions nel 2019, Katherine Finkelstein, fotografa statunitense e il quartetto d’archi italiano Quartetto Echos.

 

Sessione Primaverile

La nostra stagione si è aperta con la nostra prima sessione in primavera: ci hanno raggiunto l’artista visiva greca Aliki Panagiotopoulou, il designer e artista britannico Ranura Edirisinghe (in collaborazione con il programma Arts for the Environment dell’Università di Londra, e il compositore Brian O. Kepher dal Kenya.

 

______________________

2018

______________________

 

Giugno – Settembre

Nella sessione di giugno/luglio abbiamo ospitato il nostro primo poeta in residenza, Rachael Allen, così come gli artisti Oto Gillen, Sam Lipp e Diamond Stingily. Per il Festival di Spoleto abbiamo presentato il film “Ex-voto” di Julie Born Schwartz, lavoro iniziato nella sua residenza nel 2016. Ad agosto, un’altra ex residente Diane Madden è tornata a dirigere la Trisha Brown Dance Company: Spoleto Intensive, dopo del quale è rimasta a Spoleto per lavorare con Matthew Burdis nel film “Take 3” (presentato a novembre presso Cathy Weis Projects, New York). Il programma di libri d’artista si è protratto fino a settembre, a cura di Jo Melvin in collaborazione con Via Industriae, Foligno. Nel suo simposio finale, della durata di una settimana, abbiamo ospitato venti residenti internazionali, tra cui Joanna Pocock, vincitrice del premio Essay Fitzcarraldo Editions. A gennaio Soanyway pubblicherà un inserto speciale che documenta il programma. Numerosi eventi si sono svolti durante la stagione, tra cui una serie di “Open Studios”. In autunno, Brooklyn Rail ha pubblicato articoli su Spoleto con Melvin come critico ospite, e ottobre ha pubblicato il saggio di Rye Dag Holmboe sui disegni murali di Torre Bonomo, iniziato nella sua residenza nel 2016.

 

______________________

2017

______________________

 

Giugno – Settembre

Nella primavera del 2017, gli ex residenti Julie Born Schwartz e Jo Melvin hanno fatto ritorno a Spoleto. Julie ha svolto a Cascia ulteriori riprese con le suore del convento di Santa Rita per il suo film “Ex-voto” e Jo ha svolto ricerche nell’archivio e nella biblioteca Carandente di recente inaugurazione assistita dal nostro curatore in residenza Giovanni Rendina. Oltre a Giovanni, nella prima sessione di residenza abbiamo ospitato gli scrittori Andrianna Campbell e Annie Godfrey Larmon, gli artisti Rob Chavasse e Allison Katz e la nostra prima coreografa, Diane Madden. Il nostro progetto per il Festival di Spoleto era un’installazione scultorea sulla facciata di Casa Menotti dell’ex residente Sandy Smith. Abbiamo anche proiettato il film di James Capper e Matthew Burdis, il quale documenta il loro progetto a Spoleto nel 2016. Nella seconda sessione abbiamo ospitato la vincitrice del saggio Fitzcarraldo Editions 2017, Katy Whitehead, nonché gli artisti Lewis Chaplin, Luka Savic e Neeraja D.

2017_Mahler_LeWitt_Studios_NeerajaD

 

______________________

2016

______________________

Nel 2016 abbiamo ospitato due sessioni di residenza per dodici settimane tra giugno e settembre. La prima sessione è stata con Matthew Burdis, James Capper, Valerio Rocco Orlando, Julie Born Schwartz e Sandy Smith. La seconda sessione comprendeva James Cave, Meta Grgurevic, Joschi Herczeg, Rye Dag Holmboe, Jo Melvin e il vincitore del premio per il saggio delle edizioni Fitzcarraldo, Matthew McNaught.

 

______________________

2015

______________________

Nel 2015 abbiamo lanciato i Mahler & LeWitt Studios con due artisti in residenza e una serie di eventi in coincidenza con il Festival dei Due Mondi di Spoleto. Prima del 2015 le residenze erano ospitate dall’Associazione Anna Mahler, che continua a essere un sostenitore chiave del programma.